Warning: include(/web/htdocs/www.mestieridellalegalita.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.mestieridellalegalita.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.mestieridellalegalita.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.mestieridellalegalita.it/home/wp-load.php on line 94
Giancarlo Caselli incontra gli studenti dell’Istituto Colombo – Scuole per la Legalità

Giancarlo Caselli incontra gli studenti dell’Istituto Colombo

  • IMG_1236
  • IMG_1246
  • IMG_1247
  • IMG_1248
  • IMG_1259
  • IMG_1261
  • IMG_1267
  • IMG_1269
  • IMG_1271
  • IMG_1279
  • IMG_1305
  • IMG_1306
  • IMG_1307
  • IMG_1309
  • IMG_1314

1 marzo 2016 Palafiori Sanremo

“Nient’altro che la verità”, la storia vera di un uomo di legge che ha dedicato la propria vita alla giustizia”

Un incontro profondo e ricco di contenuti quello che ha avuto come protagonisti l’ex magistrato Giancarlo Caselli e gli alunni di alcune classi dei trienni dell’istituto Colombo presso il Palafiori di Sanremo.

Molti studenti dopo aver letto l’ultimo suo libro “Nient’altro che la verità. La mia vita per la giustizia fra misteri, calunnie e impunità” sono stati piacevolmente colpiti dalla semplicità espositiva di un uomo che, non è retorica, ha dedicato tutta la sua vita al servizio dello Stato.

L’importanza della libertà di pensiero e della critica costruttiva, le principali differenze tra mafia e terrorismo, l’importanza di una sensibilità civile diffusa in tutta la società nel riconoscere i segnali provenienti da una mafia “liquida” in grado di evolversi ed espandersi anche in forme e territori “insospettabili”, sono solo alcuni punti di riflessione proposti durante la conversazione.

Colpisce in Caselli la forte personalità, il suo desiderio di continuare, anche da pensionato, a incontrare i giovani nella convinzione che solo loro saranno in grado di sconfiggere corruzione e illegalità e la presenza della moglie con cui ha condiviso scelte difficili che pesantemente hanno condizionato (e condizionano) la loro vita privata.

Unico rimpianto? Non avere più tempo per le domande del dibattito finale.

Grazie all’Associazione Pace, Lavoro e Legalità e al Comune di Sanremo che hanno reso possibile tutto questo.

Ti potrebbe interessare...